Tag

Featured

Browsing

Respiro
sempre più profondamente…

Il trono di granito levigato dal Vento
lascia che il tempo
scorra a millenni sulla sua ruvida pelle.
Il mio corpo, rilassato
copia le curve della roccia materna
sento di appartenere a Lei.
Gli occhi socchiusi rivolti verso il sole
sorridono,
all’immagine del giocoso Angelo Grigio
che nuotava accanto a me.
Mi alzo in piedi,
11 metri sopra tutto
allargo le braccia
respiro sempre più profondamente
stacco verso l’Alto.
Falco a meta.
 
@Lavezzi Island

Lembo di terra
strappato alla mia Anima…

Solitario scoglio intarsiato di celeste,
isola senz’anima.
Figlia del vento incessante
della polvere negli occhi
della roccia bastarda, ma sincera, che sfregia il corpo.
Figlia di aridi campi testardamente coltivati
dei suoi frutti bruciati al sole,
del desiderio di spremersi un pomodoro
interrato e caldo in bocca.
Figlia dello scorrere del tempo
rallentato da sguardi intrisi di salsedine
di vecchi pescatori seduti alle taverne
e dal melodico cullare dei loro pescherecci ancorati al porto.
Figlia di una camminata tracciata dalle spine nella pelle,
di coltellate di gelo che penetrano la muta,
solo per la timida speranza, mai estinta
di poterla incontrare dentro la sua casa. La grotta.
Ritorno a te,
lembo di terra strappato alla mia anima.
 
@Fokispilia Island

Lei, in qualche modo
sa dove deve condurci…

Per anni ho tenuto appeso ad una bacheca di legno in camera un foglio con un piccolo scritto Zen. Mi é capitato di rileggerlo spesso ed ogni volta, seppure le parole fossero le stesse, comprendevo nuove verità, come se trasparissero col tempo significati sempre più profondi ed intensi.
 
Spiegava in sintesi di non creare resistenze nella vita ma di scorrere assieme al flusso energetico dell’esistenza. Non nuotare contro corrente.
 
Ad ogni grande cambiamento che accade nella nostra vita, spesso i nostri corpi, emotivo, mentale e fisico, creano resistenza, attrito, innescano spontaneamente una forza di inerzia al cambiamento, rendendolo doloroso. Tantissimo doloroso spesso.
 
Oltre alle nostre emozioni, oltre ai nostri pensieri, oltre alla materia fisica che ci compone, in noi esiste una sorta di intuito silente, uno spazio candido ed illibato, la nostra essenza pura… Anima. È necessario ascoltarla lontano dal frastuono del nostro campo mentale, perchè Lei, in qualche modo, sa dove deve condurci.
 
” Un nuotatore mediocre deve muoversi violentemente per tenersi a galla.
Il perfetto nuotatore si abbandona alla Marea e questo lo porta.”
 
@Molara Island

Esserne consapevoli
potrebbe essere l’inizio di un percorso…

Spesso vedo donne ostentare la propria fisicità sui social in modo ossessivo. A volte in modo volgare, banale e pacchiano. Vengono pubblicate immagini che ritraggono in modo più o meno esplicito parti intime del proprio corpo, pose che credono essere sensuali o continue foto di se stesse.
 
Sarebbe sufficiente portassero attenzione ed osservassero queste dinamiche compulsive… per comprendere quale voragine interiore affettiva dimora nella loro anima, e quanto poco amor proprio le porti a mercificare e svendere l’immagine del proprio corpo.
 
Esserne consapevoli potrebbe essere l’inizio di un percorso interiore verso la scoperta della propria reale, sacra ed intima… Femminilità.
 
Mi sovviene alla coscienza uno scritto:
” Una bella Donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella il cui aspetto complessivo è di tale bellezza da togliere la possibilità di ammirare le singole parti. “
Seneca
 
@Porquerolles Island

Essere libero
come l’aria…

Chiodi conficcati nei miei zoccoli serrano i ferri, bocca denti e labbra costretti da un morso, la testa strattonata da un lato o dall’altro con le briglia, la schiena appesantita, le staffe premono l’addome pungendomi, il frustino brucia sulla pelle, la vista di ogni futuro orizzonte limitata dai paraocchi.
 
Ed io, schiavo, di notte chiuso in un maneggio, solo, al buio in un piccolo spazio, di giorno mostrato con tronfia superbia agli amici, sono la manifestazione del tuo egoico bisogno esteta, piccolo uomo.
 
Non ti appartengo. E non ti appartiene la mia Bellezza, la mia Forza, la mia Eleganza. La mia è solo una vita in ostaggio in attesa della Libertà.
 
Da quando sono nato, Cavallo Blu, vado dove voglio. Non dimentico mai che la mamma mi ha insegnato ad essere Libero come l’aria.
 
@Asinara Island

Dissolto
in angeliche sfumature…

Immerso, tra l’armonica sinfonia dei gabbiani di giorno ed il canto dei grilli all’imbrunire.
Sospeso, tra gli ottanta metri sul livello del mare e la fresca brezza del nord pregna d’essenza mediterranea.
Abbracciato, dall’immensa volta celeste punteggiata da luminosi gioielli che intonano i cori dell’eternità.
Dissolto, in angeliche sfumature che danzano nel Blu.
Soli. Soli con l’intero Creato.
 
@Lampedusa Island

Un isola
in cui poter stare…

Tra la nostra reazione automatica ed istantanea… fisica, verbale, mentale, emotiva, energetica, e lo stimolo esterno che l’ha causata, esiste un piccolo spazio. Un luogo ed un tempo infinitamente piccolo, da ampliare, in cui poter nutrire e far crescere il nostro Meditatore. Il Testimone.
 
Coltivare uno spazio interiore sempre più grande, illibato e silente. Un isola.
In cui poter… Stare.
 
@Wadi Jimal Island ♢

L’infinita vertigine
dei sensi…

Sconfinati cieli azzurri precipitano lungo le falesia nel Blu intenso del mare… una piccola isola verde affacciata sul vuoto e sull’infinita vertigine dei sensi.

@Sardinia Island ♢

Estasianti mosaici
scrigni preziosi…

Non un’ isola… una maestosa ed imponente montagna protesa verso il cielo che precipita negli abissi. Verticalissime falesia penetrano il profondo Blu, ricco di anfratti e grotte intarsiate dai gioielli del mare. Estasianti mosaici di spugne, coralli, margherite decorati da cromie che danzano tra l’arancione il verde ed il viola. Scrigni preziosi.
 
@Marettimo Island ♢

Energia primordiale
in cui siamo immersi…

Elementari particelle d’energia vibrano nell’etere, come onde fluttuano nell’immenso mare dell’universo, tumultuoso, calmo ed in tempesta.
 
Ogni fotone, o quanto, respira con un ritmo proprio, ed i nostri limitati sensi umani possono solo percepire questo sussulto energetico come manifestazione del colore, recepito in diverse tonalità in base alla frequenza, al respiro proprio della particella.
 
Un’estasiante e limitata percezione dell’infinita energia primordiale in cui siamo immersi.
Il colore. Nutrimento Essenziale.
 
@Montecristo Island ♢

Pin It